PITTURA IN ESTEMPORANEA ED ESPOSIZIONI ARTISTICHE   A RIMA S. GIUSEPPE E SCOPA Fine settimana all’insegna della pittura nei due comuni di  Rima S.    Giuseppe e Scopa.  Il 23 e 24 luglio dieci pittori dell’associazione culturale  torinese “Il Cavalletto” hanno rappresentato in estemporanea  caratteristici scorci delle due località valsesiane, cogliendo i  particolari che più hanno stimolato il loro estro e la loro  fantasia.  I pittori presenti a Rima (Valeria Landrino, Gianni Martino,  Aldo Sada, Giovanni Cauda, Dino Carpinello) hanno fornito  nelle loro opere una personale interpretazione dell’atmosfera  locale, con una particolare attenzione per la valenza  paesaggistica.  A Scopa, i cinque artisti de “Il Cavalletto” (Lorenzo    Briccarello, Maria Teresa Marzetto, Gabriella Galligani,  Giovanni Mulara, Elio Lusso) hanno posto l’accento su alcuni dettagli     rappresentativi della realtà del paese.  Varie le tecniche utilizzate dagli artisti (acquerello, olio, acrilico, pastello).  Alcune note di “colore locale” hanno arricchito le giornate di Scopa: signore e bambine nei  tradizionali costumi hanno coadiuvato lo svolgimento della manifestazione; sono state offerte  dimostrazioni di confezionamento del tipico “puncetto” ornamentale valsesiano e dei comodi e  resistenti “scapin “ . Un’esposizione di culle prodotte artigianalmente ha movimentato la piazza  di fronte alla parrocchiale di S. Bartolomeo.  I quadri eseguiti durante l’estemporanea di pittura verranno valutati dai visitatori delle due   esposizioni allestite presso i Comuni di Rima S. Giuseppe e Scopa e aperte al pubblico fino  al 28 agosto. Le tre opere più segnalate riceveranno un particolare riconoscimento nel  corso della cerimonia di chiusura della manifestazione (17 settembre 2011,  presso la sede della Comunità Montana Valsesia, Villa Virginia, Varallo  Sesia).  L’associazione di promozione sociale Oplànd effettuerà visite guidate gratuite a Rima S. Giuseppe  nelle domeniche di luglio e agosto. Il percorso toccherà la Gipsoteca Pietro Della Vedova, il  Laboratorio del Marmo Artificiale, la Parrocchiale di S. Giovanni Battista, la Chiesa di S. Maria  delle Grazie.  A Scopa, sarà possibile visitare l’esposizione curata dall’associazione “ Al Neust Rumanel” che  raccoglie testimonianze di vita locale del passato allo scopo di preservare la memoria storica  collettiva del paese.