Vercelli – Le Chiese cittadine Percorso: Duomo, Abbazia di S. Andrea, Chiesa di S. Giacomo in S.Cristoforo (mezza giornata) Duomo, Museo del Tesoro del Duomo, Chiesa di S. Caterina, Chiesa di S.Tommaso in S. Paolo,  Chiesa di S. Giacomo in S. Cristoforo, Abbazia di S. Andrea (giornata intera) Tipologia: visita a tappe Attrattive principali: artistiche, storiche, architettoniche, culturali Ambiente: bassa quota, pianura Durata: mezza giornata oppure giornata intera Periodo di effettuazione: tutto l’anno A Vercelli, nel centro storico della città, per ammirare il ricco patrimonio artistico della città che fu la prima diocesi del Piemonte. Il Duomo di S. Eusebio, monumentale e maestoso edificio che ha preso il posto dell’antica basilica paleocristiana e che ospita all’interno il grande Crocifisso in lamina d’argento (opera romanica dell’XI sec.). Il Museo del Tesoro del Duomo, che comprende numerosi reliquiari, oggetti di oreficeria, preziosi paramenti sacri, codici di particolare valore tra i quali il famoso Vercelli Book, uno dei primi libri scritti in lingua anglosassone arcaica. La Chiesa di Confraternita di S. Caterina, graziosa e raccolta con i suoi interni in belle forme barocche, che grazie alle molte testimonianze artistiche conservate, fornisce un’ottima testimonianza del fulgore della cosiddetta “scuola pittorica vercellese”. La Chiesa di S. Tommaso in S. Paolo,  di origine romanica, iniziata verso il 1260 e portata alla forma attuale da successivi rifacimenti (1420 e 1768) e restauri. La Chiesa di S. Giacomo in S. Cristoforo, con i magnifici cicli di affreschi che Gaudenzio Ferrari dipinse tra il 1529 e il 1534 sulle cappelle ai lati del presbiterio, tra i più pregevoli della pittura rinascimentale del nord Italia. L’Abbazia di S. Andrea, il massimo monumento cittadino, costruita tra il 1219 e il 1227, con il suo pregevole chiostro e gli ambienti abbaziali circostanti.